SEM: Search Engine Marketing

semLa pubblicità SEM su Internet sfrutta servizi a pagamento per promuovere un sito o dei prodotti a utenti interessati, proprio mentre li stanno cercando sui motori di ricerca o mentre leggono forum e blog inerenti ad essi o chattano su Facebook.

Il sistema permette di discriminare i potenziali acquirenti utilizzando diversi metodi distinguendo, se necessario, per zona geografica, sesso, interessi, fasce d’età e tanti altri fattori. In questo modo si riesce a far vedere la pubblicità quasi esclusivamente al target interessato, riducendo al minimo gli sprechi.

Un altro vantaggio di tali campagne è la generazione di traffico in tempi brevi e con un ridotto investimento. Si paga, infatti, solo al click dell'utente sull'annuncio, riuscendo così a contenere di molto i costi. Tipicamente sono utilizzate nel lancio di un sito o di un nuovo prodotto ed hanno durata limitata nel tempo.

Articoli correlati (da tag)

  • Google https SEO ranking signal e i danni per il web marketing

    referral googleLe intenzioni sono le migliori, per carità, ma la mossa di Google che pone come ranking signal, e quindi elemento SEO qualificante l’adozione del protocollo https potrà creare inevitabili problemi. Google ha annunciato nel blog webmasters, che, a partire da subito, i siti che usano la connessione sicura (https) riceveranno una valutazione superiore rispetto agli altri, a parità di condizioni.

  • Motori di ricerca e Giustizia

    RIGHT DAMNThe Right to be Forgotten, ovvero il “diritto” all’oblio, è la notizia di questi giorni. E riporta alla mente l’opposta “Damnatio Memoriae” degli antichi Romani.
    Dopo 2000 anni è come guardare il mondo alla rovescia! Da sempre i più desiderano essere ricordati, diventare famosi, passare alla Storia. E gli antichi Romani, sapendolo bene, condannavano i loro nemici all’oblio … dimenticati per sempre! Niente male come condanna, eh?
    Con la recente sentenza della Corte UE, invece, ognuno di noi ha il diritto di essere dimenticato! Al limite del ridicolo!

  • Pasqua: Agnello, Colomba o Uova?

    agnelloChi vincerà quest'anno tra i simboli della Pasqua a tavola? A giudicare dalle ricerche degli italiani su Google sembra che l'esito della gara sia già delineato (anche se manca ancora qualche giorno alla Pasqua): l'agnello (preferibilmente al forno, e con le patate) batte tutta la concorrenza. Il volume di ricerca connesso con il povero ovino è schizzato in questi giorni surclassando di ben il 150% le interrogazioni connesse con le colombe pasquali. Per fortuna, però, che ci sono le uova di Pasqua a difendere i colori dei dolciumi: si attestano ad appena un 2% al di sotto dell'agnello che si conferma, però, il campione indiscusso ed indiscutibile delle preferenze degli italiani. Tanto più indiscutibile se ci si sofferma sul numero di ricerche negli anni, aumentate a tassi a due cifre. Una vera mania on line? Chissà, quello che è certo è che sia con Agnello, Colomba o Uova auguriamo sinceramente una Buona Pasqua a tutti quanti.

  • ARvis.it è Google Partner

    PartnerBadge-HorizontalIl programma Google Partner è molto più di un semplice badge da mostrare sul sito e sulla carta intestata, è un serio programma di affiancamento da parte di Google ad una selezione degli operatori della promozione on line. Innanzitutto per essere selezionati si devono rispettare alcuni requisiti fondamentali quali budget minimo gestito in termini di portafoglio clienti e di strutturazione interna.

  • Facebook introduce la call to action nella pubblicità

    pubblicita facebook call to actionAltra mossa del gigante social blu per aumentare la soddisfazione degli inserzionisti: attivazione di un pulsante con chiaro invito all'azione nei post sponsorizzati.
    Da manuale una pubblicità deve comunicare un messaggio, ma deve "chiudere" il contatto lanciando un chiaro invito al lettore. E' un semplice, ma efficace, espediente psicologico basato sul fatto che studi scientifici hanno dimostrato che è sempre più complesso e quindi "faticoso" dire di no che dire di sì ad un invito.