Come usare Pinterest per la SEO

Come si usa Pinterest, Seo
Condividi

Ci sono altri motori di ricerca oltre a Google, dove poter fare SEO, che se utilizzati nel modo giusto possono essere utili all’interno di una strategia di marketing.
In aumento è la ricerca verticale da parte degli utenti che hanno preso l’abitudine di fare ricerche sempre più specifiche su altre piattaforme.
Dopo aver approfondito, Amazon, YouTube e TripAdvisor, non potevamo non trattare anche Pinterest, il social network re del Visual Content Marketing!
Lo sapevate che è possibile fare SEO su Pinterest? Non solo. Se fatto nella maniera corretta, Pinterest è in grado di generare traffico direttamente al sito web: un’ottima notizia! Ma come? In questo approfondimento vediamo come usare Pinterest per la SEO.

La cosa da mettere in chiaro sin da subito è che fare SEO su Pinterest è strategico solo se questo motore di ricerca visuale è utile alla tua attività.
Se il tuo “pane quotidiano” è fatto di contenuti visuali e ti occupi di settori come Arredamento e Design, Moda, Food, Fai da te o Viaggi, allora ti consigliamo di intraprendere una strategia di marketing con Pinterest.

Altra raccomandazione: le immagini devono essere sorprendenti. Se non credi di poter ottenere questo obiettivo, lascia stare e punta su altri canali social!

Hai già sentito parlare di Pinterest ma non hai capito bene cos’è e come funziona? Niente paura ti diamo qualche informazione utile per partire!

Cos’è Pinterest

Pinterest è nato nel 2010 e oggi è tra i 20 social network più famosi e utilizzati nel mondo. E’ una grande bacheca dove puoi mettere in ordine le tue opinioni, le tue idee e tutte le cose che desideri fare o comprare, separando tutto per temi e per gruppi di interesse.
Vuoi ad esempio fare un ricetta particolare? Su Pinterest puoi trovare 1.7 miliardi di Pin di Ricette! Le puoi sistemare come vuoi secondo il tuo criterio, ed è più divertente di quanto sembra!

Con Pinterest puoi creare una mappa virtuale in maniera facile e veloce.
Gli account business registrati in tutto il mondo su questo celebre social network sono circa 1 miliardo e mezzo, è quindi molto utile per i brand, che qui riescono a fidelizzare un vasto pubblico in target. Con Pinterest puoi creare una narrazione della tua azienda tramite la storia, gli interessi, la missione, i prodotti e tutte le novità che proponi.

In questo modo, intercettando il pubblico giusto, puoi stimolare il suo interesse e lavorare alla sua fidelizzazione, in pratica puoi generare Brand Awareness e inserire l’audience all’interno della Customer Journey. 

Secondo Newsroom Pinterest, il  64% degli utenti di Pinterest ha descritto la piattaforma come un luogo dove trovare idee, prodotti o servizi di cui si può fidare.

Il pubblico di Pinterest

Gli utenti attivi in tutto il mondo sono circa 250 milioni, per questo Pinterest si piazza al 18° posto tra i social più amati.
Può essere usato sia in versione desktop (da PC) che da mobile, l’80% degli utenti preferisce usarlo proprio con questo dispositivo (annota questa informazione).

Nel 2019 Pinterest è cresciuto notevolmente, ci sono stati 175 miliardi di Pin, con una crescita del 75% rispetto al 2018. E’ molto amato negli Stati Uniti, dove gli utenti sono 125 milioni. Secondo Statista l’80% è pubblico femminile.

Pinterest in Italia

Nel nostro paese Pinterest non ha gli stessi numeri degli USA, ma come abbiamo già detto, può essere una piattaforma interessante per avere traffico in target. In Italia gli utenti  che usano questo Social Network sono 5 milioni, anche qui la maggior parte sono donne e amano il dispositivo mobile.

Non solo, sembra che la durata media di una visita è di quasi sei minuti.
Un’informazione di grande interesse è che Pinterest è molto utile per generare vendite: l’87% dei pinners attivi afferma di aver effettuato un acquisto dopo aver consultato la piattaforma. (Fonte OmnicoreAgency)

Come funziona Pinterest

Quando si apre Pinterest la prima cosa che appare è la homefeed, l’home page dove scorrono tutti i vari contenuti. In alto c’è una barra di ricerca dove possiamo digitare i termini che ci interessano.

I pin mostrati nella nostra homepage sono scelti dall’algoritmo di Pinterest Smart feed, perché ritenuti in linea con i nostri gusti. Smart Feed valuta i pin in base a una parola d’ordine: qualità. Qualità del sito di provenienza, qualità del pin, dell’utente e della topical rilevance, e infine quanto più un pin è rilevante rispetto all’argomento.

Così come per la SEO classica, il contenuto è rilevante. Per questo motivo anche per Pinterest bisogna creare contenuti di qualità, che vanno presentati nel modo giusto, solo così ci si può differenziare.

Insomma, Pinterest è un motore di ricerca a tutti gli effetti. Ora basterà sapere come fare SEO e portare traffico al tuo sito da Pinterest!

Come fare SEO su Pinterest

Così come per Google e gli altri motori di ricerca orizzontali, devi ottimizzare i contenuti che condividi. Il primo passo è puntare sulle parole chiave più performanti. Ecco alcuni degli elementi che devi curare per la SEO su Pinterest.

Ottimizza il profilo

Il profilo al di là della SEO è un elemento che va curato sempre in maniera ottimale, ricorda che è il tuo biglietto da visita. Inserisci nel nome, oltre il brand, anche la parola chiave che ti interessa. Quindi, cura la descrizione della tua azienda: hai 200 caratteri a disposizione, perciò cerca di includere anche qui le parole chiave principali. Fai una descrizione coerente con quella che hai fatto sugli altri social network aziendali.

Collega i tuoi account social e utilizza i pulsanti sociali

Il tuo profilo Pinterest può essere collegato a Instagram Etsy o YouTube, in questo modo puoi fare sapere alle persone dove possono visualizzare altri tuoi contenuti. Altro passaggio fondamentale: assicurati che le pagine del tuo sito web siano fornite dei pulsanti di condivisione social, tra cui quello di Pinterest ovviamente, così il pin per un utente è davvero semplice!

Organizza le tue board o bacheche virtuali

Le board sono l’elemento principe del profilo Pinterest. Cerca di organizzarle nella maniera più coerente possibile, in base alla mission del tuo brand. Pinterest mostra i risultati in base alla parole chiave dei titoli e della description. Scegli un’immagine per l’anteprima sulla tua bacheca: deve essere la più bella e rappresentativa, che spinga i visitatori a seguire la tua bacheca.

Cura e ottimizza le immagini

Come abbiamo detto all’inizio, Pinterest è il re del Visual Content Marketing, l’immagine è perciò l’elemento più importante e la sua cura deve essere massima. Ottimizza l’immagine in chiave SEO nominandola con la parola chiave di interesse. Aggiungi una call to action alle immagini in modo che gli utenti facciano pin! On line ci sono molti programmi per fare questo.

Utilizza spesso Pinterest

Devi essere attivo su questo social, sembra che il numero ideale giornaliero è di 5 pin. Ricorda che su Pinterest non devi pinnare solo tuoi contenuti, ma è utile ripinnare contenuti popolari di altri, creando così social networking ed engagment.
Questi sono alcuni degli elementi da curare per la SEO su Pinterest, ci sarebbe molto altro da dire e da fare, il consiglio è quello di affidarvi a una agenzia SEO e di Web Marketing esperta del settore!


Condividi

Il nostro sito utilizza i cookie. Per conoscere nel dettaglio i cookie presenti e come disattivarli leggi la nostra informativa sull'uso dei cookies. Per acconsentire e fruire del sito clicca sul pulsante 'Accetto'.