Marketing Tik Tok: essere al passo con i tempi

fare marketing su tik tok
Condividi

Vuoi fare marketing su Tik Tok, l’app preferita dalla Generazione Z? Social media manager e marketer sanno quanto è importante essere sempre aggiornati sulle tendenze social del digital marketing, e Tik Tok rientra a pieno titolo tra queste.

E’ molto importante prima di strutturare una strategia di marketing conoscere il settore e il target di riferimento. Questo approfondimento vuole essere una piccola guida per conoscere meglio questa applicazione e per dare delle utili informazioni, a chi è interessato a fare marketing su Tik Tok

Vediamo qualche numero per comprenderne meglio la portata.

Lanciato nel settembre 2016 in Cina, ha in breve tempo conquistato il mondo! Oggi è disponibile in 34 lingue ed è diffuso in 154 paesi.  Ogni giorno si connettono ben 150 milioni di utenti.  Secondo i dati forniti da Sensor Tower, è stata l’app più scaricata al mondo nel primo trimestre del 2018, con 45.8 milioni di download, con un aumento del 275% rispetto al 2017.

E in termini di denaro? Vale 75 miliardi e le entrate di TikTok derivanti dagli acquisti in app hanno raggiunto, alla fine del 2018, i 6 milioni di dollari in tutto il mondo.

Cifre impressionanti che mostrano come essere presenti su questo social network può essere strategico, soprattutto quando si hanno come target la Generazione Z e i Millennials.

Cos’è TikTok

Tik Tok è una piattaforma di condivisione video. La particolarità è nella possibilità di creare brevi clip con il proprio smartphone (minimo 15 massimo 60 secondi) con un sottofondo musicale. Una volta registrato il video può essere abbellito con filtri e live streaming.

Una cosa da sapere è che di questa applicazione esistono due versioni, una solo per la Cina che si chiama Douyin e una internazionale, la “nostra” Tik Tok appunto.
Era il 2017 quando l ‘azienda cinese Bytedance proprietaria di Douyin, decide di acquistare un’app molto simile che stava spopolando in Europa e in America: Musical.ly

Nell’agosto 2018, le due app sono state unite, facendo migrare gli utenti di Musical.ly (100 milioni) senza alcun preavviso dentro Tik Tok. In pratica, i giovani utenti dell’app si sono svegliati un bel giorno convinti di fare colazione in compagnia di un bel brano e di immortalarlo in un video come al solito, ma invece aprendo l’app di Musical.ly si sono trovati dentro Tik Tok.

I centennials non si sono minimamente scomposti, hanno subito preso familiarità con questa nuova app, e oggi TikTok è tra le loro applicazioni preferite.

TikTok vs Musical.ly

Vi è mai capitato di cantare sotto la doccia, in macchina o davanti allo specchio, imitando il vostro cantante preferito? Non fate i timidi! Se prima però questo “fenomeno” avveniva solo in una sfera privata, con Musical.ly è diventato pubblico. L’idea è semplice, divertente e per questo geniale.

La celebre app permetteva di girare brevi video sfruttando una base musicale e con la funzione lip – syncing ti potevi lanciare in performance memorabili. Come tutti i social c’era una gallery dove potevi ammirare gli altri capolavori e seguirli a tua volta. Facile no?

Il catalogo musicale di Musical.ly era davvero sterminato: le migliori hit del momento, ma anche i grandi classici musicali o dialoghi comici. I video una volta creati potevano essere condivisi anche su Instagram.

Che cosa è cambiato quando Musical.ly è diventata Tik Tok?

I contenuti video che si possono pubblicare ora sono più ampi, aprendo lo scenario anche ad altri settori oltre la musica. Dal fashion al beauty, dal food allo sport, sino al puro intrattenimento; ormai su Tik Tok si trova davvero di tutto.

Le altre funzionalità sono più o meno le stesse, è solo aumentato il numero di effetti speciali e filtri. Quello che è cambiato veramente è che ora su TikTok basta essere creativi a 360°.

Come funziona TikTok: altre cose da sapere

Abbiamo visto come i due elementi più importanti di questa celebre app sono i video e la musica, ma ci sono anche altri aspetti che bisogna conoscere per capire meglio la potenzialità di questo canale di marketing.

Interazione tra gli utenti: seguire una persona su TikTok è davvero facile, si può anche semplicemente mettere un “like” con un cuore al video, come Instagram per intenderci, o si possono commentare e condividere i video anche in altri social, aumentando la portata virale. Nella sezione preferiti si possono aggiungere video, hashtag, effetti e suoni.

Acquisti direttamente in app: Come Instagram Shopping anche Tik Tok ha introdotto hashtag sponsorizzati per acquistare direttamente dall’app. Una trovata davvero interessante per i brand e i marketer interessati a investire su questo canale. Tik Tok ha perfino una moneta virtuale che gli utenti possono devolvere ai loro creator preferiti.

Challenges: si tratta di sfide tra utenti. Possono essere incentrate su dei brani come ad esempio Oh Na Na Nah Dance Challenge Vs DiDi Dance Challenge.


Oppure le sfide possono essere su un tema specifico come Lip Challange dove le utenti appassionate di beauty si sono sfidate a colpi di Lip Gloss!

Chi sono i Tik Tok followers?

Come accennato prima, Tik tok è l’app che piace alla Generazione Z. Il Global Web Index ci dà qualche numero. Sembra che il41% degli utenti di TikTok ha tra i 16 e i 24 anni.
In Cina invece il 75% degli utenti di Douyin ha tra i 18 e i 35 anni. In Cina Douyin ha 500 milioni di utenti attivi ogni mese, ma si sa che le cifre che riguardano quella parte del mondo sono sempre enormi.

Qual è il segreto del successo di Tik Tok tra i giovanissimi?

Primo tra tutti è che è difficile che su Tiktok ci siano mamma e papà! Abbiamo visto nel precedente approfondimento sulla Generazione Z, che i giovani preferiscono social network dove non ci sono i genitori e considerano ad esempio Facebook un social da vecchi.
Altra componente a decretare il successo di questo social network è che si può fare tutto con l’app. Con lo smartphone in mano, trovi amici vecchi e nuovi , che si divertono a cantare l’ultima hit del momento. Il suo uso è davvero facile ed intuitivo, tutti lo possono fare e il tasso di engagement è davvero alto.
Si crea un effetto virale immediato di enorme portata. I ragazzi “ammirano” i loro coetanei che sono visti come fonte di ispirazione. Sempre secondo il Global Web Index il 60% degli utenti ha interagito o con un like o con un commento a un video, e il 55% ha caricato un video.
Abbiamo chiesto a una Tik Tok follower perché le piace così tanto quest’app

Di TikTok mi piace soprattutto fare i video, per imitare gente più famosa di me. Su TikTok si può vedere cosa fa sia una persona “famosa” che “sconosciuta” e si può cercare di imitare quello che fa. Trovi i tuoi amici e i ragazzi come te che fanno cose simili e divertirti a guardarli”.

Influencer marketing con TikTok: i Muser

Siamo arrivati al punto cruciale su come si può fare marketing su Tik Tok.

Come in ogni social network che si rispetti anche su TikTok ci sono gli influencer. Su questa piattaforma si chiamano Muser e hanno un seguito davvero impressionante.
Le aziende e i marketer che si sono accorti di questo fenomeno e ne vogliono fare parte, li contattano regolarmente per promuovere i loro prodotti e servizi.

Chi sono i muser più famosi di TikTok in Italia?

Elisa Maino

Elisa Maino Tik Tok
Profilo di Elisa Moino su Tik Tok

Tik Tok: 4 milioni e 100 mila follower
Instagram: 1 milione e 600 mila follower
YouTube: 638 mila fan

Regina dei social, classe 2003 Elisa ha 16 anni ed è la prima “muser italiana”. Frequenta il Liceo Classico ed è di Rovereto. Ha scritto un libro intitolato #Ops edito da Rizzoli

Marco Cellucci

marco cellucci tik tok
Profilo di Marco Cellucci su Tik Tok

Tik Tok: 5 milioni e 400 mila followers
Instagram: 788 mila followers
YouTube: 359 mila fans

Marco ha 17 anni è approdato prima su YouTube con dei video tutorial su come usare Musical.ly. Da lì la scalata al successo è arrivata anche su quest’altro social network. Nel 2018 ha scritto un libro edito da Fabbri Editore intitolato “Tutto si può ballare. La mia vita a tempo di musica”.

Luciano Spinelli

luciano spinelli
Profilo di Luciano Spinelli su Tik Tok

Tik Tok: 7 milioni di follower
Instagram: 1 milione e 500 mila follower
YouTube: 594 mila fan

Luciano ha 19 anni è di Monza e anche lui come i suoi colleghi ha cominciato la carriera su YouTube, il successo vero è arrivato però con Musical.ly. Ha scritto anche due libri editi da Rizzoli “Per Sempre” e “Insieme”.

Iris Ferrari

iris ferrari

TikTok: 2.9 milioni di followers
Instagram: 1.3 milioni di followers
YouTube: 688 mila followers

Classe 2003 Iris ha solo 16 anni e in breve tempo ha conquistato il web. Come i suoi colleghi ha cominciato prima con YouTube per approdare poi su Musical.ly. Anche lei come Luciano ha scritto dei libri editi da Mondadori “Una di voi” e “Le Nostre Emozioni”.

 

Fare pubblicità su Tik Tok

Un altro modo per fare marketing su Tik Tok è quello di utilizzare l’adv online. La piattaforma ha lanciato, infatti, diversi formati pubblicitari.

Branded Takeover: è una creatività a schermo intero che appare appena si apre l’app. Con questo formato pubblicitario si può portare l’utente verso una landing page o anche creare awareness con ad esempio il lancio di una challange.
In ogni paese, questo formato di sponsorizzazione può essere preso solo da un brand al giorno da qui il termine “takeover”.

In – feed native video: appaiono sulla sezione “Per te” e permettono di inserire una call to action in base agli obiettivi della campagna pubblicitaria che ci si è prefissati.

Hashtag Challange – ad: un brand può lanciare un hashtag challange per creare awareness intorno a un prodotto che vende. La Guess ad esempio è stata la prima a sponsorizzare l’hashtag #InMyDenim, invitando gli utenti a dare libero sfogo alla creatività per mostrare i loro outfit e far diventare l’hashtag popolare.

Branded Lenses: si tratta di vere e proprie maschere e oggetti in 2D o 3D che gli utenti possono usare nei loro video. L’effetto virale è garantito e possono essere usate per 10 giorni.

TikTok è un social con un potenziale davvero elevato per aziende che hanno le giovani generazioni tra i loro principali target.
Il suo uso non richiede elevati skills, ma proprio per questo il network è già altamente assediato. Ecco perché c’è bisogno di una strategia di marketing e di una buona esperienza tattica per raggiungere i giusti obiettivi e non sprecare le risorse. Chiedere la consulenza di una Agenzia di Digital Marketing è sempre un’ottimo punto di partenza!

 

Nota bene: tutte le immagini di questo articolo sono riportate solo a titolo informativo/didattico


Condividi

Il nostro sito utilizza i cookie. Per conoscere nel dettaglio i cookie presenti e come disattivarli leggi la nostra informativa sull'uso dei cookies. Per acconsentire e fruire del sito clicca sul pulsante 'Accetto'.