Che cosa sono gli insights? E perché sono così importanti?

cosa sono gli insights
Condividi

In un mondo sempre più digitale si sente spesso parlare di insights. Ma che cosa sono realmente gli insights? Se tutti ne parlano devono essere qualcosa di importante: qual è il loro valore?A che cosa servono realmente?

Cerchiamo di rispondere a tutte queste domande in questo breve approfondimento.

Per capire cosa sia un insight si può partire dalla traduzione letterale. Il termine significa “visione interna” e deriva dalla psicologia. Applicato al marketing, insight è quell’intuizione, quell’osservazione che permette di vedere la situazione per l’appunto dall’interno, dalla prospettiva del cliente. In altre parole, significa mettersi nei panni dell’utente per capire i pensieri e i comportamenti, il perché di determinate azioni. E da qui andare oltre, cercando di intuire i bisogni e le necessità che l’hanno spinto a comportarsi in quella maniera.

 

Customer o consumer insight

Questa visione interna è dunque la rivelazione del consumatore, la scoperta del cliente. È un’intuizione, nata da un’analisi profonda e approfondita, che aiuta a capire come il cliente pensa e agisce. Cogliere un insight significa scoprire perché il cliente compie una particolare azione, il come e il quando.

Da qui nascono diverse definizioni del consumer insight nel campo del marketing e della pubblicità. Qualcuno parla di bisogni non soddisfatti del consumatore, opportunità che i prodotti attualmente presenti sul mercato non colgono. Il customer insight è la comprensione delle necessità implicite ed esplicite dei clienti.

 

Insights nel marketing: a cosa servono?

Alla luce di quanto detto sinora, perché nel digital marketing gli insights sono così importanti? La risposta è abbastanza semplice ma non per questo banale. Riuscire a cogliere un insight significa capire cosa il cliente cerca. Questo porta, di conseguenza, a capire come offrire quel prodotto o servizio nel modo più accattivante e convincente. Di fatto gli insights sono la linfa di ogni strategia di comunicazione, pubblicitaria e non.

Non si tratta di semplici dati e statistiche numeriche. I grafici e i report che sintetizzano le varie azioni dei clienti sul sito o sui social sono solo il punto di partenza per nuove idee e soluzioni. Bisogna guardare oltre il mero dato, sapere leggere i numeri tra le righe per capire quello che c’è dietro. E, per l’appunto, dietro a quelle tabelle ci sono gli utenti, le persone, i potenziali clienti. Quei dati sono i comportamenti e i pensieri che determinano o meno una conversione, un acquisto.

 

Strategia di comunicazione

È quindi evidente come gli insights non possano non rientrare all’interno di una strategia di comunicazione che voglia essere efficace e soprattutto produttiva. Saper leggere i dati, ritrovare al loro interno i clienti, con i loro pensieri e i loro comportamenti, è fondamentale per muoversi nel campo del marketing contemporaneo. Questo discorso vale sia da un punto di vista analitico che per il lato creativo.

Per quanto riguarda il primo aspetto, gli insights si trovano a partire da un’analisi dei dati attenta e profonda. Leggere i dati significa osservare e ascoltare i clienti, mettersi nei loro panni. Non ci si trova davanti soltanto la tabella demografica con età, genere, location. Quei numeri, quei grafici, corrispondono a delle persone, a degli utenti, con le loro preferenze più o meno nascoste.

Sulla base di questi dati, a partire dalla loro analisi, si sviluppa tutta la parte creativa. Gli insight costituiscono, di fatto, una fonte costante di idee per migliorare la propria strategia di comunicazione e marketing.
Un articolo, un argomento, un contenuto ha avuto un rendimento migliore di un altro, oppure ha destato l’interesse di una particolare fascia di pubblico.
O ancora: nei commenti, nei feedback, gli utenti si sono scambiati opinioni e hanno messo in luce pro e contro di quel determinato contenuto.
Sono tutti esempi di insight, perché sulla base di queste osservazioni, la strategia virerà da una parte piuttosto che da un’altra. Si produrranno nuovi contenuti che possano intercettare i gusti e le preferenze degli utenti, a partire dall’analisi di quanto prodotto e pubblicato fino a quel momento. Gli insights costituiscono un valore aggiunto per l’azienda ma anche per il consumatore stesso. Questo perché grazie ad essi il brand sarà in grado di offrire contenuti, prodotti, servizi, sempre più apprezzati.

 


Condividi

X

Il nostro sito utilizza i cookie. Per conoscere nel dettaglio i cookie presenti e come disattivarli leggi la nostra informativa sull'uso dei cookies. Per acconsentire e fruire del sito clicca sul pulsante 'Accetto'.