Analisi dei competitors SEO: il trucco per imporsi sul mercato online

concorrenza SEO
Condividi


Per implementare il proprio business online un’analisi dei competitors SEO è fondamentale. Non solo permette di studiare il mercato e i principali competitors, ma è anche la base di partenza per una strategia di digital marketing vincente.

Cosa significa effettuare una ricognizione SEO sui propri competitors? L’analisi competitiva SEO è una ricerca che aiuta a comprendere i punti di forza e di debolezza dei concorrenti, in modo da poter sviluppare una strategia per aumentare la visibilità del proprio sito nei risultati di ricerca. Si tratta di

fare delle ricerche e delle analisi sul web per scoprire come si comporta la concorrenza online.

Questa operazione permette di capire la propria posizione sul mercato, perché mostra il peso che la propria azienda e quelle “rivali” hanno online, fornendo preziosi insight su come gli acquirenti vedono i concorrenti.

È necessario fare una precisazione. I competitors SEO rappresentano l’arena competitiva nel mondo online, che può essere diversa da quella offline. L’analisi della concorrenza SEO, infatti, ha proprio l’obiettivo di mostrare quali siano i competitors sul web a livello di visibilità e posizionamento: non si tratta di competere con il negozio nella via accanto o della stessa città, ma di capire come si muove la concorrenza sul digitale.

Ma quali sono i principali fattori da valutare in un’analisi della concorrenza SEO? E come trasformare gli insights ricavati in punti di forza per la propria strategia?

Nell’analisi dei competitors SEO i dettagli fanno la differenza

Eseguire un’analisi SEO della concorrenza significa analizzare e valutare la presenza e la visibilità online dei competitors. Questo vuol dire, in primis, andare a esaminare il sito web dei concorrenti, il loro biglietto da visita online. L’obiettivo è capire come quel sito si posiziona per le principali keywords del settore di riferimento, nonché com’è strutturato e com’è sviluppato.

In genere, l’analisi della concorrenza esamina tanto gli aspetti tecnici quanto i fattori contenutistici, andando quindi a valutare elementi quali le parole chiave, le URL, i backlink, l’autorità del dominio.

Da questa ricognizione sarà possibile capire se i concorrenti sono ben posizionati su determinati argomenti, o se hanno puntato su altre chiavi di ricerca. Inoltre, il loro sito potrebbe non essere responsive o mobile first, e quindi non garantire una user experience ottimale da dispositivi mobili.

Durante lo studio dei competitors è importante prestare attenzione a ogni dettaglio, perché sono i dettagli che fanno la differenza online.

Lo studio della concorrenza SEO permette di anticipare il mercato

Per dirla in termini molto semplici, l’obiettivo dell’analisi della concorrenza SEO è quella di migliorare il proprio posizionamento web rispetto ai concorrenti. Questo significa, essenzialmente, far comparire il proprio sito più in alto nella SERP rispetto ai siti rivali. Il perché di questa azione è presto detto: comparire più in alto significa aumentare il volume di traffico al proprio sito.
Di conseguenza, significa anche aumentare le possibilità di conquistare i clienti.

Di fatto lo studio della concorrenza SEO è una sorta di analisi SWOT con cui si valutano punti di forza, di debolezza, opportunità e rischi all’interno di un’arena di mercato.
I dati ottenuti dall’analisi aiuteranno a determinare dove poter migliorare il proprio sito e permetteranno di progettare un approccio più efficace per posizionarsi più in alto rispetto ai concorrenti.

Non solo: l’analisi della concorrenza SEO permette di anticipare le potenziali sfide future e di adottare misure preventive, perché apre a scenari sempre nuovi e in continua evoluzione, com’è la competizione online.

Migliorare la strategia grazie all’analisi dei competitors online

L’analisi della concorrenza SEO è la base per mettere a punto una buona strategia di visibilità online. La creazione e l’esecuzione di una strategia SEO di successo richiede una conoscenza approfondita del settore e della concorrenza. Da questo punto di vista, lo studio della concorrenza aiuta ad avere un’idea più precisa della propria posizione rispetto alle altre aziende del vostro settore, nonché delle strategie che hanno avuto successo per loro.

Da qui sarà poi possibile studiare ed eseguire una strategia efficace perché basata sui dati. Per esempio, si noterà che possono essere utilizzati maggiormente certi tipi di parole chiave , come le keyword a coda lunga. Oppure sarà il caso di mettere in atto una campagna di link building o, ancora, un content marketing davvero approfondito grazie al contributo di influencer e digital PR.

L’aspetto fondamentale da ricordarsi è che la comprensione della concorrenza non è una cosa da fare una volta sola. È un’attività da svolgere periodicamente, strutturando un vero e proprio monitoraggio dei competitors SEO.
Sì, perché i concorrenti sono in continua evoluzione, e così dovrebbe essere anche il proprio business online.

 

 

 

 


Condividi
Tags: